L’omicidio irrisolto del gerarca fascista che cambiò idea

Con la morte della figlia Diana sono sepolte anche le speranze di scoprire cosa avvenne davvero tra il 23 e 24 agosto 1943, quando l’ormai “dissidente” fu ucciso a Fregene
L’omicidio irrisolto del gerarca fascista che cambiò idea

È morta qualche settimana fa Diana Muti Baldini, unica figlia di Fernanda Mazzotti e del gerarca fascista Ettore Muti, ravennate, legionario fiumano, eroe di guerra e segretario del Partito nazionale fascista fra il 1939 e il 1940. Fu assassinato in circostanze mai chiarite, a Fregene, il 24 agosto del 1943. Nessun organo d’informazione ha dato notizia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.