L’ombra di “Igor”, incubo collettivo

Norbert Feher - Sono bastati pochi giorni per trasformare un criminale in creatura superumana. A Vallanzasca e al Mostro di Firenze ci sono voluti anni per imporsi nell’immaginario collettivo. Ma all’epoca non c’erano i social network

Tratto difficilmente di delitti veri, perché il ridicolo è in agguato. Mi sento come quegli attori che fingono di essere esperti di sopravvivenza e muoiono di dissenteria all’Isola dei famosi. Con l’aggravante che la materia che un giallista è chiamato a trattare è fatta di sofferenza e lutto. Fingere di sapere come ragioni un assassino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.