Lo stallo atomico non significa pace

Gerusalemme vuole indebolire Teheran per rimuovere l’ostacolo nucleare all’egemonia sul Medio Oriente. Kim usa la minaccia della bomba per uscire dall’isolamento, aiutato dalla Cina
Lo stallo atomico non significa pace

Che la partita siriana fosse un preliminare di quella più ampia per il controllo del Medio Oriente era chiaro. Anzi, le incertezze europee e americane nel portare a conclusione uno scontro che ormai aveva soltanto perdenti potevano essere attribuite al timore che la partita si chiudesse davvero. Quasi a sperare che allungando l’agonia dell’avventura americana […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.