Lo spread non è tutto made in Italy

Tensioni sul debito - Pesa l’incertezza sul referendum, ma anche Trump e banche
Lo spread non è tutto made in Italy

Non tutte le tensioni sui mercati vengono per nuocere: “Aumenta lo spread? Ovvio, se c’è incertezza aumenta. Non è una minaccia, è una constatazione”, ha detto ieri il premier Matteo Renzi. Sottotesto: se gli investitori fuggono dai titoli di Stato italiani è soltanto perché c’è il referendum costituzionale in arrivo e temono la vittoria del […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.