Lo spettro muto della Consip produce il bavaglio renziano

Contro pm e stampa - L’idea dell’ex deputato Graziano entra nella mozione del capo per il Congresso: “Secretare l’avviso di garanzia”. I giornali non potranno citare le indagini
Lo spettro muto della Consip produce il bavaglio renziano

Un muto spettro s’aggira per il Lingotto renziano. È il temibile acronimo Consip. Nessuno lo pronuncia, ma lo portano tutti nel cuore dolente e trafitto, dolente ovviamente per le sventure giudiziarie di babbo Renzi e del ministro Luca Lotti, entrambi indagati. Una sorta di anatema in tempo di Quaresima. “Vade retro Consip”. È da lì […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.