» Politica
domenica 11/12/2016

Lo sgarbo di Renzi al Quirinale: sceglie i tempi e pure i ministri

Il capo del Pd non vuole restare a Palazzo Chigi, ma in due giorni ha fatto capire a tutti che darà lui le carte: Boschi resta, più poltrone per Franceschini e Verdini

Matteo Renzi sei giorni dopo la disfatta al referendum e dopo il discorso della sconfitta, con drammatico annuncio di dimissioni, sta saldamente a Palazzo Chigi: da lì organizza le sue consultazioni parallele per il secondo giorno consecutivo. Tratta con la maggioranza e con le correnti del Pd non solo per la scelta del suo successore, ma anche per la formazione del governo. Ha chiesto persino a Maria Elena Boschi di restare. Manda dal presidente della Repubblica una delegazione del Pd, per tradurre i suoi desiderata. Per fermare il gioco delle correnti sui ministri, convoca una direzione del Pd per lunedì mattina. E per blindare l’accordo tratta pure sulle nomine. Una sorta di “rieccolo”, come Indro Montanelli chiamava Fanfani, altro toscano pronto a rinascere dalle proprie ceneri.

Il nome di Paolo Gentiloni – il premier scelto da Renzi con l’accordo dei capi corrente del Pd – non viene neanche pronunciato dai quattro che vanno al Quirinale (i capigruppo di Senato e Camera, Zanda e Rosato, il vice segretario Guerini e il presidente Orfini). Si limitano a un colloquio che porta avanti due concetti fondamentali: esprimono al capo dello Stato la “più assoluta disponibilità a sostenere la soluzione che vorrà indicare”. E poi illustrano “la linea emersa dalla direzione Pd” (ovvero un governo sostenuto da tutti) e prendono atto della “impossibilità di portarla avanti per la contrarietà delle opposizioni”. È Zanda a dare la linea (di Renzi) nelle dichiarazioni in uscita, parlando davanti alla Sala alla Vetrata. “La crisi si è aperta dopo gli esiti del referendum e le dimissioni di Matteo Renzi che le ha rassegnate, fatto insolito nel costume politico del Paese”, ci tiene a sottolineare. E poi chiarisce: “L’obiettivo è quello di andare al voto il più velocemente possibile”. Per Renzi, che ha l’obiettivo di tornare premier il più rapidamente possibile, dopo le elezioni, la data di scadenza dell’esecutivo è la cosa più importante.

Nel frattempo, Renzi è a Palazzo Chigi in mezzo agli scatoloni. Intorno a lui si dà per scontato che nella tarda mattinata di oggi il Quirinale darà l’incarico a Gentiloni. Al Nazareno descrivono un colloquio dai toni distesi. Ma che qualcosa – almeno quanto a buona educazione – non vada liscio come l’olio è chiaro dal fatto che Mattarella, davanti ai cronisti, ribadisca tutti i suoi paletti sulla legge elettorale più una lunga lista di impegni che il prossimo governo dovrà affrontare. Perché la delegazione Pd non ha fatto nomi? Domanda che aveva fatto nascere perplessità ed evocato il dubbio che Renzi, nonostante tutto, stesse accarezzando ancora l’ipotesi del reincarico. In realtà, non ne aveva alcuna intenzione, come fa trapelare alle agenzie di stampa, tanto che in serata arriva la notizia della sua telefonata al presidente della Repubblica in cui indica – lui, però, non il Pd – Paolo Gentiloni a capo del governo.

D’altronde in questi giorni, Renzi a tutti quelli che gli stanno vicino aveva fatto sapere di essere già oltre la premiership, che l’importante è fare presto. Questo però non gli ha impedito di ricevere in rapida successione ministri uscenti, ma pronti alla riconferma. La linea: quello che nascerà magari non sarà un Renzi bis, ma un governo teleguidato da Renzi. Linea, peraltro, data a tutte le cancellerie europee e a tutte le ambasciate, in questi giorni, nel nome della stabilità. Renzi ha visto Angelino Alfano (che va verso la conferma e chiede anche quella di Lorenzin alla Salute, che era data in bilico, e di Costa alla Famiglia). Poi Boschi e le ha chiesto di rimanere: la “madrina” delle Riforme in questi giorni era pronta a lasciare, visto anche lo stress personale degli ultimi mesi; nelle ultime ore è apparsa indecisa e molti la danno già confermata in squadra. A Chigi arrivano pure Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico, e Andrea Orlando (Giustizia). Entrambi dovrebbero rimanere: il Guardasigilli è fondamentale per la tenuta del Pd. La trattativa più dura è quella con Dario Franceschini, che vuole portare Piero Fassino al ministero degli Esteri (liberato da Gentiloni): una manovra che insospettisce il premier, anche sulle sue intenzioni per la durata del governo. Alla fine, dovrebbero uscire solo Giuliano Poletti e Stefania Giannini. In entrata, in quota Verdini, Marcello Pera o la promozione di Enrico Zanetti. Dovrebbe restare anche Marianna Madia alla P.A., che d’altra parte ha fatto sempre parte dei giri che contano.

Se tutto va come previsto, Renzi domani chiederà l’ennesimo ok puramente formale alla direzione del Pd, dopo aver fatto tutto da solo. Poi inizierà il congresso. A quel punto si vedrà se le correnti del Pd rispetteranno l’accordo che vuole che il governo sia di breve durata o partiranno all’attacco del segretario. E si capirà se lui stesso garantirà il sostegno a Gentiloni o gli farà una guerra sotterranea tutti i giorni. Per distinguere la sua immagine dalle scelte che il governo dovrà fare. O anche solo per chiarire chi comanda.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Il leader di forza Italia

Berlusconi ritorna alle consultazioni: “No alle larghe intese”

Torna al Quirinale, Silvio Berlusconi, e conferma quanto detto negli ultimi giorni e in campagna elettorale. Al termine del colloquio con Sergio Mattarella, ieri, il leader di Forza Italia ha letto la sua dichiarazione: “In questa difficile situazioni siamo disponibili a una approvazione in tempi rapidi di una legge elettorale condivisa, che porti poi il popolo ad esprimersi con il voto e a scegliere chi vogliono essere governati”. Ma non di più. Berlusconi aggiunge: “Forza Italia non è disponibile a partecipare o a sostenere governi di larga coalizione: compete al Partito democratico, che controlla ancor oggi la maggioranza parlamentare in entrambe le Camere, assumersi la responsabilità di esprimere e sostenere un governo per la parte restante della legislatura, che auspichiamo il più breve possibile”. Nessuno strappo, quindi, né con Lega né con Fratelli d’Italia, anche se quando gli si domanda se il partito azzurro parteciperà ai banchetti del Carroccio di sabato 17 e domenica 18 dicembre per chiedere di andare subito al voto, l’ex premier ha preferito non rispondere.

Politica
dI bAttista: “siamo stufi”

I 5Stelle pronti alla “mobilitazione” per chiedere il voto

Nelle piazze per invocare l’immediato ritorno alle urne. I 5Stelle sono pronti alla “mobilitazione permanente”, di cui hanno discusso ieri in un’assemblea congiunta dei parlamentari, subito dopo le consultazioni. La delegazione al Quirinale, composta dai capigruppo Giulia Grillo e Luigi Gaetti, ha avuto un incontro di circa 50 minuti con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Un incontro cordiale” raccontano dal M5s, nel corso del quale i due parlamentari hanno ribadito la richiesta del voto al più presto con l’Italicum, così come verrà corretto dalla Consulta, e il no a qualsiasi nuovo governo: “Basta quello dimissionario, per gli affari correnti”. Ma ad agitarli sono state le parole di Mattarella al termine delle consultazioni, e il suo riferimento “a un governo nel pieno delle sue funzioni”. Opzione opposta a quella di un esecutivo di poche settimane, auspicata dal M5s. E così i 5Stelle si sono riuniti per valutare l’ipotesi di iniziative per chiedere il voto. Varie le ipotesi in campo: da quella di una marcia a una o più manifestazioni di piazza, fino a un sit-in. “Stiamo ragionando”, conferma Alessandro Di Battista ribadendo: “Non ne possiamo più, vogliamo andare a votare con la legge uscita dalla Consulta”.

La Cattiveria

La Cattiveria del 11/12/2016

Politica

Lo “stupore” del Colle poi Matteo chiama: sarà Paolo Gentiloni

Firme contro Di Maio per rifare le regole dei gruppi 5 Stelle
Politica
Gli statuti - La nomina di capigruppo e direttivo

Firme contro Di Maio per rifare le regole dei gruppi 5 Stelle

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×