Lo schiaffo del Sultano all’Italia Gabriele né libero né al sicuro

Alfano chiede al governo turco di “liberare subito” il documentarista. Ma finora i nostri diplomatici non hanno avuto accesso al carcere
Lo schiaffo del Sultano all’Italia Gabriele né libero né al sicuro

Sono passati dieci giorni da quando Gabriele Del Grande, reporter e documentarista toscano, è stato fermato nella regione turca di Hatay al confine con la Siria. E la vicenda non solo non si risolve, ma si complica. Del Grande è stato fermato dopo esser stato seguito e attenzionato. È stato trasferito dal Centro di detenzione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.