Lo scheletro che brucia all’ombra di Nerone

Gli spettacoli dovevano riprendere l’8 agosto Così non è stato. E del musical del secolo resta solo l’ecomostro
Lo scheletro che brucia all’ombra di Nerone

Si propagò da qui il più grande incendio della storia di Roma, nel 64 d.C. Tra il colle Palatino e il Celio. E se quell’incendio, sei giorni di rogo che devastarono la città, non ci fosse stato, il Colosseo non sarebbe mai stato costruito. L’Anfiteatro Flavio, uno dei monumenti più visitati al mondo, nel cui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.