Lo scaricabarile Salah tra menzogne e silenzi “Colpa di mio fratello”

Ruolo marginale. Agli inquirenti la Primula rossa ha spiegato di essere stato convinto da Brahim, kamikaze allo Stade de France. La sua cintura esplosiva era scarica

Salah Abdeslam si scrolla di dosso ogni responsabilità. Accusa il fratello Brahim, il kamikaze del Comptoir Voltaire. È lui che lo ha coinvolto nelle stragi di Parigi del 13 novembre, che gli dava i soldi per noleggiare le auto e affittare le stanze d’albergo. Ma il cervello della carneficina, afferma, era Abdelhamid Abaaoud, abbattuto nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.