Lo 007 portoghese e il traffico di dossier a favore di Putin

Una storia alla Le Carrè: l’arresto a Roma, in casa sua a Lisbona trovati documenti e contanti
Lo 007 portoghese e il traffico di dossier a favore di Putin

Operazione “top secret”. In effetti è un’indagine riservatissima quella partita dal Portogallo e culminata a Roma con l’arresto di due 007 stranieri. Un agente russo senza nome e Frederico Carvalho Gil, ex capo dell’antiterrorismo poi passato al Sis, il servizio segreto portoghese. Una talpa con molte medaglie che i giornali locali descrivono come coltissimo e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.