Liti e sms, Taverna e gli altri sotto accusa: “Non era questo che voleva Casaleggio”

Mini-direttorio - Tutti contro la squadra che doveva gestire la grana capitolina
Liti e sms, Taverna e gli altri sotto accusa: “Non era questo che voleva Casaleggio”

Otto sono sicuri, gli altri non lo sappiamo. È probabile che alla fine sceglieranno la poltrona”. Elenco alla mano, i vertici del Movimento stanno già spulciando i nomi dei consiglieri comunali pronti a non seguirli, se tutto dovesse precipitare. Già, perché dietro il video in cui Virginia Raggi “fa chiarezza”, dietro il palco di Nettuno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.