L’Italia si muove lenta: ma per andare dove?

Caro Furio Colombo, il treno è fermo. Nessuno sale,nessuno scende. Non si riesce neppure a fare una modesta legge elettorale, e gli scontri accaniti coprono il vuoto. Vorrei avere speranza. Ma in che cosa? Alberto   La situazione è tra le più strane nella vita di questo Paese, certo dopo la Liberazione e il ritorno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.