“Liste civiche piene di mafia e impresentabili”

14 i candidati “bollati” dalla Commissione Antimafia nei Comuni a rischio. Rosy Bindi: “Abbiamo pochi poteri, ora nuove norme”

Inuovi impresentabili sono 14, sparsi per l’Italia, da Roma alla Calabria. E sono tutti in liste civiche: “Il varco delle mafie per infiltrarsi nelle amministrazioni”, ma anche lo specchio dei partiti che scappano. Gli stessi partiti che lasciano l’Antimafia con le unghie spuntate, “senza sufficienti poteri per garantire liste pulite”. Un anno dopo il primo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.