L’ironia amara degli orfani della Ue

Il giorno dopo una città addolorata e semi-chiusa si interroga sul fallimento dell’istituzione che ospita, inefficace contro le grandi crisi di immigrazione e terrorismo

Bruxelles non è Parigi. I belgi sono abituati a non prendersi e a non essere presi troppo sul serio. Sopra il cielo grigio della Capitale d’Europa non volano discorsi roboanti, non rullano tamburi di guerra e promesse di vittoria contro il terrorismo, come il giorno dopo gli attentati al Bataclan. La città non si ritrova […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.