L’insostenibile pesantezza del “reddito di cittadinanza”

Nell’ultima pagina de Il Nome della Rosa di Umberto Eco, Adso ricorda il suo Maestro, Guglielmo di Baskerville: “Prego sempre che Dio abbia accolto l’anima sua e gli abbia perdonato i molti atti di orgoglio che la sua fierezza intellettuale gli aveva fatto commettere”. Fatte le debite proporzioni (ovviamente sfavorevoli) mi accorgo di commettere molti […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.