L’insostenibile leggerezza della Bonco-tv

Carlo Freccero - “Gianni non era uno sceneggiatore, ma uno scenografo della bellezza”
L’insostenibile leggerezza della Bonco-tv

Non è casuale che una canzone di Gianni Boncompagni, il tormentone “a far l’amore comincia tu, ahh ahh ahh ahh” cantato da Raffaella Carrà, sia diventato la colonna sonora de La grande bellezza di Paolo Sorrentino. La visione del mondo e della bellezza di Sorrentino e quella di Boncompagni coincidono. La bellezza è tale perché […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.