L’inquietudine di Shakespeare narrata dagli oggetti

Calici, armi, travestimenti e tanto sesso: in un libro illustrato si racconta il mondo complicato del più grande drammaturgo (che irritò Bin Laden)
L’inquietudine di Shakespeare narrata dagli oggetti

Fu a Londra, più precisamente a Stratford-upon-Avon, che l’adolescente Osama Bin Laden provò il primo rigurgito antioccidentale: ogni domenica il malcapitato studente veniva portato in pellegrinaggio alla casa di Shakespeare. Fu lì che ebbe l’illuminazione: “Vedevo che quella era una società diversa dalla nostra: era moralmente dissoluta… decadente”. Aveva ragione lui, come ci conferma – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.