L’infermiera serial killer: “Così dormono…”

È accusata di aver avvelenato 13 pazienti in ospedale. Lei al telefono: “Mi fregano e mi mandano in galera”

Preparava una dose letale di eparina e la iniettava nei pazienti che morivano dopo poche ore con una emorragia inarrestabile. È questa l’accusa che ha portato all’arresto di Fausta Bonino, infermiera professionale di 55 anni, nata a Savona ma piombinese di adozione. Per 13 malati ricoverati nel reparto di anestesia e rianimazione dell’ospedale di Piombino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.