L’infarto dipende anche dal dna, ma la differenza è nello stile di vita

Il corredo genetico “sbagliato” raddoppia il rischio di ammalarsi. Le abitudini sane però diminuiscono i rischi

Gentile Professoressa Galiuto, mio padre è morto d’infarto a 47 anni, io mi avvicino alla soglia dei 50 e sono terrorizzato dal poter avere il “destino” di mio padre. Posso evitarlo?   Gentile lettore, la sua paura è legittima. L’infarto, cioè l’esito dell’occlusione prolungata di una arteria coronarica ad opera di una placca aterosclerotica, è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.