L’indifferenza per il plagio certifica la fine di queste élite

Se l’affermato professore o il ministro copiano impunemente un’intera e pluriennale ricerca altrui, perché lo studente ambizioso e ben ammanicato non dovrebbe saccheggiare la tesi del compagno?

Lo status del termine “plagio”, nella morale e nella lingua italiana, è ambiguo assai. Esisteva un reato con quel nome – puniva la sottommissione psicologica di una persona da parte di un’altra – e venne abolito, nel 1981, per incostituzionalità. A giudicare dai molti e impuniti episodi di plagio di cui sono stato testimone sin […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.