Lima, le “corna” e il sangue. Così la mafia iniziò la guerra

12 marzo 1992 - L’omicidio del ras Dc come “vendetta” per gli ergastoli del maxiprocesso e i “patti” non rispettati. Il panico dello Stato
Lima, le “corna” e il sangue. Così la mafia iniziò la guerra

Totò Riina aveva parlato chiaro: “Dobbiamo rompergli le corna”. Ma quella mattina di 25 anni fa, quando l’eurodeputato Dc Salvo Lima esce dalla sua villa di Mondello, affiancato dal docente Alfredo Li Vecchi, non immagina che la sua ora è scoccata. Lima si sistema sulle spalle il loden verde e s’infila nella Opel Vectra guidata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.