L’Ilva si prende Giacomo: “Non doveva trovarsi lì”

Nell’impianto siderurgico commissariato rimane schiacciato un operaio 25enne che ripuliva l’altoforno. L’azienda: “Nessun cedimento”. I Verdi. “500 morti dagli anni 60”
L’Ilva si prende Giacomo: “Non doveva trovarsi lì”

Giacomo Campo aveva appena 25 anni. Il suo mestiere era quello di ripulire gli impianti che servono l’altoforno 4 dell’Ilva di Taranto. Non era un dipendente dell’Ilva, ma di una ditta esterna, la Steel Service, che fornisce i suoi operai per liberare da scorie, minerali, polveri e detriti vari, i rulli e i nastri che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.