Libia, l’enigma del generale: “Haftar è morto a Parigi”

Uomo forte - Conferme e smentite sull’uomo-forte della Cirenaica con il quale anche l’Italia si è accordata per arginare il traffico dei migranti
Libia, l’enigma del generale: “Haftar è morto a Parigi”

Il sole era ancora alto in cielo quando la notizia della morte del leader ha iniziato ad insinuarsi per le strade della città di Bengasi. “Molti credono che il generale Haftar sia immortale come Dio. Ed in tanti aspettano che da un momento all’altro atterri all’aeroporto Benina per smentire le voci sulla sua morte”, raccontava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.