Libia, italiani liberati. Dubbi sulle misure di sicurezza

Operazione di intelligence - I due tecnici: “Rapiti per errore da un gruppo di criminali. Volevano i soldi di un manager”
Libia, italiani liberati. Dubbi sulle misure di sicurezza

Il problema potrebbe essere a monte. Ossia nel giorno in cui i due tecnici dell’azienda piemontese Con.I.Cos. sono stati rapiti in Libia. Ieri Danilo Calonego e Bruno Cacace, dopo 48 giorni di prigionia, sono stati liberati, sono tornati in Italia e finalmente nelle loro case, il primo a Sedico (Belluno), il secondo a Borgo San […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.