Liberi di non guardare il male, ma è solo nascondersi nella nostra realtà (virtuale)

Perché pubblicare le immagini più crude
Liberi di non guardare il male, ma è solo nascondersi nella nostra realtà (virtuale)

Solo le persone da poco non giudicano dalle apparenze, proverbiava Wilde. E le apparenze dicono che dietro le esecuzioni mediatiche dell’Isis e gli attentati d’ogni sorta dei suoi adepti più vicini o lontani esiste la realtà di una decapitazione o di un corpo contorto di una vittima morente. I lupi più o meno solitari del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.