L’Fbi sfida la Apple: l’arma segreta viene da Israele

L’azienda di Cupertino non vuole fornire i codici dell’iPhone dei terroristi di San Bernardino, il Bureau si rivolge alla Cellebrite
L’Fbi sfida la Apple: l’arma segreta viene da Israele

Mentre gli intellettuali e gli esperti americani iniziano a elaborare teorie su quale sia il modo migliore per strumentalizzare l’attentato di Bruxelles sul tema privacy e dati, l’Fbi ha deciso di cambiare rotta e di andarsene in Israele. O meglio: ha deciso di ricorrere a un’azienda israeliana (con sede principale in Israele e altre sparse […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.