L’Europa non scalda la piazza 150 fermati per “felpe nere”

La manifestazione “più a rischio” sfila pacifica ma con poche presenze da Testaccio alla Bocca della verità. I black bloc non si vedono
L’Europa non scalda la piazza 150 fermati per “felpe nere”

“Ci vediamo a Taormina”. Il corteo dell’area antagonista riunito nella sigla “Eurostop”, si conclude con un arrivederci triste e poco combattivo. Si rivedranno tutti a maggio a Taormina, sede scelta per il quarantatreesimo vertice dei Paesi aderenti al G7, e con la speranza di essere di più. Sono pochi a Roma, non gli ottomila preannunciati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.