Lettere ai tedeschi di Primo Levi: “Ditemi chi siete”

Nel saggio anche lo scambio dello scrittore con il dottor Meyer: “È la prima volta che parlo con chi stava dall’altra parte”
Lettere ai tedeschi di Primo Levi: “Ditemi chi siete”

Che cosa rappresentarono i tedeschi per Primo Levi? Posta così, alla luce della sua detenzione nei campi di sterminio e della lettura dei suoi libri, a cominciare da Se questo è un uomo, la risposta non potrebbe essere che una sola: furono gli assassini nazisti di Auschwitz, il lager dove fu imprigionato, ma anche quelli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.