Lettera da un’Italia debole e feroce

Mentre stavo scrivendo questa pagina, qualcuno a Palermo ha cosparso di benzina e bruciato vivo il senzacasa Cimino mentre dormiva sotto un portico. Impulso spontaneo o missione compiuta? Inutile fingere. Viviamo in un Paese debole e feroce. Un episodio esemplare dell’Italia in cui stiamo vivendo è la decisione dell’azienda Oerliklon- Graziano di Rivoli (Torino) di licenziare […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.