L’eterno ritorno del mangiadischi rétro

L’eterno ritorno del mangiadischi rétro

Simbolo di un’intera generazione: pratico, piccolo e colorato. Siamo nel 1966 quando Irradio chiede all’architetto Mario Bellini di creare un giradischi portatile. Da lì, la rivoluzione. Stiamo parlando del mangiadischi, ovvero il giradischi portatile. Comodo e prêt-à-porter, è stato il megafono della musica pop in Italia dalla fine degli anni 60 e per tutti i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.