L’Esploratore

Stremato da 40 giorni di stallo post-elettorale con due vincitori, nessun governo e due giri di consultazioni a vuoto, lunedì 16 aprile il presidente Sergio Mattarella diede i primi violenti segni di insofferenza: una lieve, quasi impercettibile increspatura del labbro inferiore, peraltro ermeticamente incollato a quello superiore. Un inequivocabile presagio di tempesta in arrivo, che […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.