L’esercito dei volontari ignoti: ogni Festival ha il suo Angelo

L’organizzazione si affida a loro per mandare avanti gli appuntamenti o anche solo accompagnare gli ospiti
L’esercito dei volontari ignoti: ogni Festival ha il suo Angelo

Il signore che mi attende è appena fuori dalla porta di ingresso della stazione di Pesaro. Se ne sta di lato e tiene in mano, ad altezza di ombelico, il suo bravo cartello per farsi riconoscere. Tocca infatti a chi arriva identificarlo, perché lui degli ospiti non sa la faccia e a volte non ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.