L’esecuzione di don Salvatore sotto la Madonna con l’amato volto trans

La figura del boss Conte di “Gomorra”, battente penitenziale e innamorato casto di Nina, amore proibito
L’esecuzione di don Salvatore sotto  la Madonna con l’amato volto trans

Dio e Gomorra. È semplicemente grandiosa, nella sua cruenta cupezza, l’esecuzione di don Salvatore Conte nella terza puntata della più riuscita fiction degli ultimi decenni (ovviamente non Rai, ma Sky). Altro che i banali inchini delle processioni davanti alle case dei boss. Con una ricchezza di sfumature e di dettagli, i registi di Gomorra hanno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.