L’errore di fondo: fidarsi di chi compra un regalo al duty free dell’aeroporto

Sei mesi fa prendo un volo da Beirut per Roma. Scendendo dall’aereo mi cade l’occhio su una busta del duty free lasciata nella retina di un sedile. Penso che se la lascio lì nessuno la rivedrà più e la prendo. C’è dentro un profumo da donna. Mi accorgo che nella retina c’è anche un biglietto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.