Leo, che fa ridere nonostante il “piano virile e vendicativo”

Nel libro di Francesco Muzzopappa, in uscita il 22, la storia del guardiano di un museo. Immaginario. Quanto la sua amata, beccata a cavalcioni del modello
Leo, che fa ridere nonostante il “piano virile e vendicativo”

Perché mai la scrittura ironica, quella brillante e provocatoria, non viene valorizzata nel nostro Belpaese? Ci spertichiamo – giustamente – per lodare il genio di Woody Allen, lo humour surreale di Etgar Keret e quello nero di Kurt Vonnegut ma pochi danno il giusto risalto alla scrittura satirica, relegandola spesso a un mero divertissement. D’accordo, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.