L’enigma Pakistan. Tra guerre e Jihad il Paese non crolla

Troppo spargimento di fango, la Partition, profughi, settarismi, armi, tensioni perenni con l’India sulla frontiera del Kashmir. Il Pakistan di 70 anni dopo resta più che mai un luogo di violenza”, ricorda Abenante (Università di Trieste), storico dell’area. Anche verso le minoranze? Gli indù sono poche migliaia e si nascondono, ma ci sono anche spaccature […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.