L’Eni in rosso riesce a dare 2,9 miliardi di dividendi

Assemblea - Rieletti Descalzi e Marcegaglia. L’ex vicepresidente Grotti: “Io 5 anni in galera, qui ancora il vizio delle tangenti”
L’Eni in rosso riesce a dare 2,9 miliardi di dividendi

L’Eni vuole bene ai suoi azionisti, in particolare all’azionista di controllo, cioè lo Stato italiano che detiene il 30,10 per cento delle azioni sommando il 25,76 per cento della Cassa Depositi e Prestiti e il 4,34 del ministero dell’Economia. Nel 2016, pur chiudendo il bilancio in perdita di 1,5 miliardi, è riuscito a tirare fuori […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.