L’Eni e le minacce di morte al prete che difende il Niger

Il sacerdote, impaurito, ha chiesto aiuto all’Italia e all’Ocse
L’Eni e le minacce di morte al prete che difende il Niger

Due telefonate a distanza di sette mesi. Alla prima è seguito un incontro. “Collaboro con la Naoc”, la Nigeria Agip Oil Company, controllata di Eni, avrebbe detto l’uomo che il pastore di un piccolo villaggio del sud della Nigeria, Evaristus Ukaonu Nicholas, in prima linea nella protesta contro Eni, ora ha deciso di denunciare pubblicamente. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.