» Politica
venerdì 19/05/2017

Legge elettorale a rischio: troppa fretta, pochi voti

Renzi vuole chiudere prima della manovra, ma deve convincere almeno 15 senatori

In aula il 5 giugno, ma con l’accordo di contingentare i tempi per chiudere entro la fine del mese. La prima battaglia della guerra sulla legge elettorale finisce con un pareggio, che nasconde qualche insidia per il Pd. Matteo Renzi si è messo l’elmetto. Dopo 24 ore di spaesamento, causato dal fatto che il Pd […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

B. & Matteo, tale padre tale figlio. Ecco i neoberlusconiani del Pd

Politica

Pisapia flirta con Matteo e gela Bersani

Ecco il primo candidato di De Magistris: suo fratello Claudio corre con  Liberi e Uguali
Politica
Dema - Uomini del sindaco schierati in due collegi a Napoli

Ecco il primo candidato di De Magistris: suo fratello Claudio corre con Liberi e Uguali

Besostri ci riprova: oggi deposita un nuovo ricorso anti Rosatellum
Politica
Consulta - L’ultima battaglia sulla legge elettorale

Besostri ci riprova: oggi deposita un nuovo ricorso anti Rosatellum

Politica

La linea Mattarella: senza maggioranza nuovo voto

di
Gentiloni lo chiede l’Europa: in carica per manovra e Def
Politica
Durevole

Gentiloni lo chiede l’Europa: in carica per manovra e Def

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×