L’edificio pubblico è abusivo: il “divieto” lo scoprono i cittadini

La costruzione accanto al Castello Svevo e il codicillo del 1930. La sede del Provveditorato è lì dal 1957 ma il vincolo è emerso solo con i lavori di ampliamento decisi nel 2010
L’edificio pubblico  è abusivo: il “divieto”  lo  scoprono i cittadini

A pochi metri dal Castello Svevo di Bari, in corso De Tullio 1, c’è una palazzina, sede di alcuni uffici del Provveditorato alle opere pubbliche, costruita su’area protetta da vincolo monumentale. Un edificio pubblico abusivo. Il palazzo viene costruito tra il 1957 e il ’58, ma la storia viene fuori solo nel 2013, quando il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.