“Le vere ragioni per cui Alitalia non sposò Klm”

“Puntavamo sull’azionariato dei dipendenti, come alla United. Ma la politica ci affossò”
“Le vere ragioni per cui Alitalia non sposò Klm”

Fa male vedere Alitalia che ormai sembra un piccolo satellite di Etihad”, riflette Augusto Angioletti, comandante della ex Compagnia di bandiera e alla fine degli anni Novanta del secolo passato presidente dell’Anpac, l’influente sindacato dei piloti che tentò quello che allora sembrava impensabile: la privatizzazione dell’azienda di proprietà dell’Iri. Il tutto in vista della creazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.