Le riforme di Re Giorgio e il germe dell’autoritarismo

Paolo Cirino Pomicino. “Gratta Napolitano, esce lo stalinista”
Le riforme di Re Giorgio e il germe dell’autoritarismo

Caro direttore, durante i primi anni del secondo dopoguerra il popolo romano diceva “gratta il russo esce il cosacco”. Oggi va sempre più di moda “gratta Napolitano esce lo stalinista”. Una esagerazione? Forse, ma quale statista democratico potrebbe suggerire un cambio della legge elettorale solo per non far vincere una determinata forza politica, nel caso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.