Le richieste dei rifugiati alla mutua svedese: “Curate mia figlia infibulata”

Casi in aumento negli ospedali per le giovani arrivate dai Paesi musulmani
Le richieste dei rifugiati alla mutua svedese: “Curate mia figlia infibulata”

In Svezia si moltiplicano le emergenze sociali per i nuovi rifugiati: sempre più richieste di alloggi, ricongiungimenti famigliari con spose bambine, e migranti che chiedono prestazioni cliniche in cerca di un rimedio agli effetti dell’infibulazione. “Ogni anno qui vengono effettuati circa 10 interventi di ‘riapertura’ vaginale”, dice Ida Enqvist, ostetrica all’ospedale di Sunderby, nella provincia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.