Le politiche poco “attive”, così l’Anpal eleva a sistema il flop di Garanzia Giovani

Parte solo ora l’Ente nazionale del Jobs Act. Con la Riforma costituzionale gestirà tutte le misure sul lavoro. Problema: favorisce i privati e ricopia un modello fallito
Le politiche poco “attive”, così l’Anpal eleva a sistema il flop di Garanzia Giovani

È operativo da ieri l’ultimo tassello del Jobs Act, l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive (Anpal), che avrà il compito di gestire la ricollocazione dei disoccupati. Ad annunciarlo il ministro del Lavoro Giuliano Poletti e il presidente Anpal, Maurizio Del Conte. Prende così forma, come già trapelava da mesi, il protagonista delle politiche attive, cioè “l’assegno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.