Le Ong e i libici incrociano un barcone: una trattativa “salva” bambini e malati

Le Ong e i libici incrociano un barcone: una trattativa “salva” bambini e malati

Non è la prima volta che le Ong si ritrovano insieme ai guardacoste libici nel Canale di Sicilia, alle prese con “carrette del mare” già naufragate o destinate al naufragio con a bordo uomini, donne e bambini. Ci sono state sparatorie e minacce dei libici, scontri più o meno violenti, incidenti anche con i migranti […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.