Le “larghe intese” e il trionfo del partito-azienda

  “Il berlusconismo può sopravvivere a Berlusconi e, anzi, senza di lui può essere perfino peggio, a giudicare dall’assortita compagnia dei suoi epigoni e dei suoi imitatori” (autocitazione da “La Sindrome di Arcore” – Longanesi, 2009 – pag. 125)   Con l’accordo raggiunto nella reggia di Arcore da Silvio Berlusconi e Matteo Salvini sulla presidenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.