Le due vite di Aline: da sesso, droga e alcol a fondamentalista

Gli sbandamenti di una 16enne di origine marocchina, irretita da un reclutatore e salvata poi dalla psicologa

Sto male. C’è l’ho con tutti. Con il mondo”. Quando Aline si è seduta sul lettino della psicologa Brigitte Juy, forse nemmeno lei conosceva il suo male: stava diventando un’estremista islamica. Proprio lei, una ragazza sottile di 16 anni che il Corano lo aveva preso in mano pochi mesi prima; figlia di una famiglia marocchina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.