Le clamorose falle dello “Spid”, l’identità digitale

Qualche tempo fa, un bimbo di 5 anni che aveva individuato una falla nella sicurezza della X-Box è stato pubblicamente ringraziato da Microsoft. Per la multinazionale era importante aver scoperto che per entrare nel videogioco, dopo aver inserito una password sbagliata, bastava digitare più volte il tasto spazio. Apparire credibili e tentare di tenere alta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.