Le bombe a San Pietroburgo: i Servizi russi sapevano tutto

L’ex capitale imperiale - Identificato il kamikaze: Akbardjon Djalilov, 22 anni, del Kirghizistan, faceva parte di una “cellula” che aveva legami con jihadisti siriani
Le bombe a San Pietroburgo: i Servizi russi sapevano tutto

Ci sarebbe un kamikaze dietro l’esplosione che lunedì ha fatto strage nella metropolitana di San Pietroburgo. Lo sostengono gli investigatori russi, che hanno identificato il presunto attentatore suicida in Akbarjon Djalilov, 22 anni, di origine kirghisa di cui sarebbero stati trovati frammenti del corpo nel luogo della detonazione – un treno in corsa tra le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.