» Politica
mercoledì 17/05/2017

Consip, la telefonata tra Renzi e il padre. Le balle dette a “Luca” e i vuoti di memoria. Tre domande all’ex premier

Il segretario Pd si difende via social, ma omette di chiarire i punti oscuri del suo “interrogatorio” telefonico al padre, a partire dal ruolo di Lotti
Consip, la telefonata tra Renzi e il padre. Le balle dette a “Luca” e i vuoti di memoria. Tre domande all’ex premier

La difesa di Matteo Renzi è affidata ai social network. Prima un post su Facebook (“le intercettazioni pubblicate del Fatto ribadiscono la mia serietà … politicamente sono un regalo”) e poi una diretta streaming. La rubrica si chiama #Matteorisponde ma dovrebbe essere ribattezzata #Matteononrisponde per almeno quattro omissioni del segretario del Pd.

Prima omissione. Renzi non parla di “Luca”. Eppure nel corso della telefonata, dice al padre: “Io non voglio essere preso in giro e tu devi dire la verità in quanto in passato la verità non l’hai detta a Luca e non farmi aggiungere altro. Devi dire se hai incontrato Romeo una o più volte e devi riferire tutto quello che vi siete detti”. Matteo Renzi dovrebbe spiegare all’opinione pubblica se, come semb ra, quel Luca è Lotti. Poi dovrebbe dire cosa ci sia di tanto segreto nei colloqui tra Luca (Lotti) e Tiziano Renzi di cui lui è a conoscenza.

Il punto è fondamentale. Luca Lotti è accusato di avere avuto da qualcuno notizia delle indagini e di averle spifferate al capo di Consip, Luigi Marroni, che ha poi provveduto a far bonificare i suoi uffici dalle cimici: è lui stesso, il 20 dicembre scorso, a raccontarlo ai magistrati di Napoli. Anche Tiziano Renzi, secondo i carabinieri del Noe, era a conoscenza delle indagini dall’inizio di ottobre e, a dicembre, è sicuramente stato avvertito con precisione dell’inizio delle intercettazioni. Il 5 dicembre (il giorno dopo il referendum) la Procura di Napoli mette sotto controllo il suo telefono e il 7 dicembre arriva la telefonata dell’autista del camper delle primarie di Matteo Renzi, Roberto Bargilli, che avverte Carlo Russo (co-indagato di Renzi senior): “Ha detto il babbo di non chiamarlo più”. Insomma la frase “tu la verità non l’hai detta a Luca e non farmi aggiungere altro” detta dal segretario Pd è sospetta. L’ex premier, però, sul punto dovrebbe dire altro: Tiziano e Luca hanno parlato delle indagini prima che la notizia fosse pubblica? E lui ne era informato?

Seconda omissione. #Matteononrisponde anche su sua madre, Laura Bovoli, e sul ricevimento con gli imprenditori al Four Season Hotel: nella conversazione con suo padre si cita un ricevimento nell’albergo a 5 stelle di Firenze che Matteo Renzi utilizza, da buon leader di sinistra, come sede dei suoi incontri. A detta di Tiziano al ricevimento “c’erano una serie di imprenditori ma c’era anche Lalla (sua moglie Laura Bovoli, ndr) e siamo andati via subito”. Matteo non fa finire il babbo: “Non dire che c’era mamma altrimenti interrogano anche lei”. Ieri il segretario dem non ha chiarito se il ricevimento di cui si parla sia quello organizzato nel 2012 ai tempi delle primarie contro Bersani: sarebbe molto strano che i Renzi si preoccupino di un convegno di 5 anni fa, insignificante rispetto alle contestazioni dei pm che sono del 2016. E allora qual è? E perché la mamma non deve essere sentita sul punto?


Terza omissione
. Il terzo buco di #Matteononrisponde è quello sulla sfiducia nella linea di difesa scelta dal padre. Matteo pensa che l’indagine sia seria quando parla al telefono e pensa invece che la difesa non lo sia: non crede né alla storia che Carlo Russo per Tiziano sia solo il padre di un suo figlioccio e non crede nemmeno alla storia del colloquio con Luigi Marroni per la Madonnina dell’ospedale Meyer.

Per il “Matteo Renzi al telefono”, infatti, non è vero che Tiziano ha incontrato l’ad Consip Marroni solo per parlare della statua della Madonna da piazzare nel cortile dell’ospedale di Firenze. Eppure esattamente questa – da quello che ha detto l’avvocato di Tiziano Renzi, Federico Bagattini, il 3 marzo – è la difesa che poi suo padre adotta durante l’interrogatorio. La versione di Marroni è ben diversa: il manager ha detto ai pm che Tiziano Renzi ben due volte gli chiese di ascoltare le richieste di Carlo Russo sulle gare Consip. Altro che Madonnina. Al telefono, il segretario Pd sembra credere al manager: “Non è più la questione della Madonnina e del giro di merda di Firenze per Medjugorie”.

Quarta omissione. Matteo Renzi sembra trarre dalla risposta del padre sugli incontri con Alfredo Romeo (annotano i carabinieri: “Tiziano dice di no e che le cene se le ricorda, ma i bar no”) la convinzione che almeno un appuntamento con l’imprenditore napoletano ci sia stato. Tanto che chiede al padre di dire ai pm quanti sono stati e che non crede possibile che lui non ricordi di aver incontrato uno come Romeo (“noto a tutti”). La difesa di Renzi sui social è debole anche sul presupposto della telefonata: ora sostiene che la notizia pubblicata da Repubblica quel giorno (gli incontri con l’imprenditore Romeo rivelati ai pm dal commercialista Alfredo Mazzei, già tesoriere campano del Pd e amico dell’imprenditore) è falsa e questo presupposto farlocco l’aveva indotto a fare un “duro interrogatorio” telefonico al padre: eppure Mazzei non ha cambiato versione, la notizia resta vera. L’unica smentita finora è quella di Tiziano Renzi, che però col figlio sul punto tentenna distinguendo tra “ristoranti” e “bar”.

Tutte le omissioni di #Matteononrisponde potrebbero essere oggetto di interesse anche dei magistrati. In questo caso Renzi non potrebbe cavarsela con una balla come quella riservata al sottoscritto su un vecchio pezzo dell’Espresso. Chissà se sarà mai convocato. E se si avvarrà della possibilità di non testimoniare sui familiari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
L’indagine: i filoni aperti

Corruzione, traffico di influenze illecite e fuga di notizie

Alfredo Romeo, noto immobiliarista napoletano, è in carcere dal 1° marzo con l’accusa di aver corrotto un dirigente della Consip, la centrale acquisti della Pubblica amministrazione, versandogli 100 mila euro in cambio di informazioni riservate. Il gruppo Romeo partecipò nel 2014 alla gara Facility management 4 da 2,7 miliardi di euro per le forniture e la gestione degli uffici pubblici di tutta Italia, piazzandosi in testa in tre dei 18 lotti in cui era diviso il bando. Romeo era in contatto con Carlo Russo, amico di Tiziano Renzi, che secondo l’amministratore delegato di Consip Luigi Marroni (primo in foto) parlava a nome del padre dell’ex premier. Nei foglietti scritti a mano da Romeo mentre parlava con il suo collaboratore Italo Bocchino (secondo in foto), ex parlamentare di An, e recuperati dai carabinieri del Noe tra i rifiuti, c’è scritto tra l’altro “30 mila al mese per T.” e “5 mila C.R” dove “C.R.” e “T.” secondo gli inquirenti sarebbero proprio Russo e Tiziano Renzi, indagati per traffico di influenze illecite. Le indagini sono state condotte dai pm napoletani Celeste Carrano, Enrica Parascandolo ed Henry John Woodcock e in seguito trasmesse per competenza territoriale alla Procura di Roma dove se ne occupano il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il pm Mario Palazzi, che hanno chiesto e ottenuto l’arresto di Romeo. Prima però i magistrati partenopei hanno scoperto che i vertici di Consip erano stati avvisati delle indagini e avevano “bonificato” gli uffici dalle microspie piazzate dai carabinieri. Nelle indagini sulla fuga di notizie sono emersi i nomi del ministro Luca Lotti, del comandante generale dei carabinieri generale Tullio Del Sette (terzo in foto) e del comandante dell’Arma in Toscana generale Emanuele Saltalamacchia: sono indagati per favoreggiamento e rivelazione di segreto. L’intricata vicenda si è infine arricchita del falso ideologico contestato al capitano del Noe Giampaolo Scafarto (ultimo in foto) per un’informativa che contiene dati non veritieri o incompleti: in un caso ha attribuito a Romeo la frase “l’ultima volta che ho visto Renzi”, pronunciata in realtà da Bocchino mentre Romeo afferma di non conoscere né Matteo né Tiziano Renzi; in un altro non conteneva le generalità di un passante che avrebbero permesso di escludere il suo coinvolgimento in un presunto spionaggio di imprecisati Servizi ai danni del Noe.

La Cattiveria

La Cattiveria del 17/05/2017

Politica

I pm: “Violato il segreto”. Orlando manda gli ispettori

“Alessandro non scappa, resta con noi”
Politica
l’intervista - Roberto Fico

“Alessandro non scappa, resta con noi”

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×